BIOFUNZIONALE-CORPOREO

 

WILHELM REICH (1897 – 1957)

Padre della vegetoterapia, pose attenzione al corpo, al linguaggio non verbale e para-verbale dell’individuo. Osservò come gli eventi psichici si manifestino e parlino attraverso le tensioni muscolari e le incongruenze che si manifestano tra i tre livelli di comunicazione -verbale, non verbale e para verbale-.
Le tensioni muscolari altro non sono che espressione delle difese che si attivano contro le emozioni, nel tentativo di controllarle, per non farle uscire.

La sessualità è espressione integrata dei processi affettivi e corporei e, alla luce di questo, si può ritenere che, alla base di tutte le malattie psichiche, vi è energia sessuale -libido-. Essa è legata al sistema neurovegetativo ed è manifestazione specifica dell’Orgone -energia cosmica universale-. La libido che non riesce a esprimersi adeguatamente nella fase di contrazione -tensione ed eccitazione- e distensione -scarica, abbandono, rilassamento- genera blocchi emotivi, i quali trovano rappresentazione nelle tensioni muscolari, attraverso le resistenze che agiscono come un’armatura allo scopo di proteggere la persona dagli stimoli dolorosi, interni ed esterni. Il carattere assume, quindi, una struttura difensiva, che si riflette sulla postura, sull’espressioni del volto e sulla gestione del tono di voce, del ritmo delle parole e pause.

L’obiettivo dell’intervento terapeutico è far emergere ricordi traumatici ed emozioni, attraverso lo scioglimento dei blocchi corporei e liberazione dell’energia.

 

ALEXANDER LOWEN (1910 – 2008)

Crescendo, facciamo esperienza di come la spontanea espressione delle emozioni si confronti e scontri con il rifiuto, la disapprovazione, il giudizio, la punizione… all’interno dell’esperienza relazionale; ne consegue che iniziamo a controllarle, anziché gestirle, e questa inibizione inizia a manifestarsi attraverso tensioni muscolari e contratture dei muscoli coinvolti nell’espressione delle emozioni stesse: esse diventano croniche quando la repressione emotiva si protrae nel tempo.  
L’analisi bioenergetica si propone di mobilitare l’energia, attraverso tecniche corporee che permettono che l’energia scorra liberamente, così da sciogliere la tensione nei vari distretti corporei come l’addome, le gambe, il bacino, con la possibilità che compaiano delle vibrazioni lungo il corpo, come indicatori del fluire dell’energia che comincia a rilasciarsi. Questo fa sì che, in progressione, le contratture si sciolgano, le emozioni si liberino e ci si viva l’esperienza del dolore, per elaborarlo.
Il Grounding -avere i piedi saldamente a terra- è una tecnica che favorisce un buon contatto/scambio energetico con il mondo esterno, rafforzando il suo senso di sicurezza e radicamento.

L’armatura caratteriale, descritta da Lowen, segue la suddivisione in cinque strutture caratteriali formatesi come difesa dagli stimoli interni ed esterni, avvertiti come minaccia. La risposta tensiva verso tali stimoli va a influire sulla struttura psico-neuro-muscolare.
1) Struttura schizoide → negazione del diritto di esistere → ferita da rifiuto         
2) Struttura orale → negazione del diritto di avere bisogno → ferita da abbandono
3) Struttura masochista → negazione del diritto di imporsi → ferita da umiliazione
4) Struttura psicopatica → negazione del diritto di essere autonomo → ferita da tradimento
5) Struttura rigida→ negazione del diritto di amare sessualmente → ferita da ingiustizia

Comments are Closed

error: Il contenuto di questo sito è protetto ! Non può essere copiato né riutilizzato ! / Content is protected !! Do not copy or re-use !