RELEASE THERAPY – Terapia Breve di Liberazione

L’espressione RELEASE THERAPY non indica una nuova forma di terapia né fa riferimento ad un nuovo e innovativo modello teorico da me elaborato.

L’espressione fa riferimento unicamente alla finalità del mio lavoro terapeutico  che consiste essenzialmente nel liberare (to release, in inglese) risorse, abilità e stati di benessere superiore. 

Trattasi dunque semplicemente di un nome che amo utilizzare per ricordare a me stesso e ai miei pazienti la mia mission terapeutica e il mio personale metodo di lavoro.


Cosa si intende per TERAPIA BREVE?

In ambito psicologico le terapie  brevi sono quelle terapie che si focalizzano sulla risoluzione di uno problema concreto e specifico del paziente senza porsi l’obiettivo ambio e generale di indagare tutti gli aspetti del funzionamento mentale e/o l’intera storia personale come avviene solitamente in molte psicoterapie a lungo termine, fin troppo costose e poco accessibili a molte persone, che possono durare anche anni. 

Nel mio lavoro ciò significa essenzialmente aiutare una persona a eliminare/ridurre:

  • una carica emozionale di un ricordo doloroso, stressante e/o traumatico 
  • una sensazione indesiderata
  • un’emozione cronica e disadattiva (rabbia, paura, gelosia)
  • un atteggiamento mentale o sociale 
  • una convinzione negativa su di sé, gli altri o la vita
  • un’incapacità personale acquisita a seguito di avvenimenti negativi della propria vita

Ma significa anche aiutare una persona ad amplificare la propria capacità di provare piacere nelle varie attività della via, a migliorare profondamente la propria sessualità, a chiarire i propri valori personali, ad accrescere la propria autostima e  a sviluppare abilità relazionali e di auto-cura e auto-guarigione soprattutto in presenza di disturbi o malattie che risentono fortemente dell’influenza della mente sul corpo. 


Cosa si intende per TERAPIA DI LIBERAZIONE

Compito di ogni terapeuta, a mio avviso, non dovrebbe essere quello di aiutare ad indagare ogni aspetto del funzionamento mentale delle persone, tutta la sua storia di vita (biografica); né dovrebbe essere aiutare una persona e ragionare, pensare e ripensare sui propri problemi in maniera costante e stressante. 

Compito di ogni terapeuta dovrebbe essere aiutare una persona a liberarsi dal bisogno ossessivo di pensare, pensare e pensare….. 

Compito di ogni terapia dovrebbe essere aiutare una persona dalla credenza che il benessere personale lo si possa conquistare ragionando, ragionando e ragionando …. o ricordando in ogni minimo dettaglio ogni danno o errore da noi commesso nella vita o da altri causato nei nostri confronti. 

Un principio basilare del mio lavoro è che la causa dei nostro problemi non stia tanto in quello che ci è successo o ci è stato fatto quando eravamo piccoli, indifesi e dipendenti – il rischio di adattare questa prospettiva è di deresponsabilizzarci e attribuire fin troppo potere agli agenti causali esterni  (avvenimenti sfavorevoli della vita, parenti, amici, tradimenti, lutti, incidenti, traumi, ecc) – ma nel nostro allontanamento dalla nostra essenza, dalla nostra anima, dalla parte più profonda della nostra personalità, sede di tutte le nostre qualità personali e dei nostri talenti personali. 

Per questa ragione ritengo profondamente che una buona terapia debba prima di tutto sostenere una persona nel recupero della propria identità più profonda e questo è possibile farlo andando oltre le narrazioni, le spiegazioni e le argomentazioni che ci diamo per giustificare i nostri fallimenti del passato e del presente. 

Si tratta di liberare la nostra anima, rinchiusa dalle e dietro le nostre considerazioni negative relative a chi dovremmo essere alla nostra idea di come dovremmo essere. 

Nel corso della terapia breve focalizzata sull’obiettivo desiderato il paziente avrà modo di scoprire di essere in un ultima analisi il vero e principale responsabile del proprio stato di salute.

Non importa se tanti anni fa ci è successo qualcosa di spiacevole o ci hanno fatto molto male. Oggi abbiamo sempre la possibilità di ritrovare il nostro benessere liberando la nostra anima, la nostra essenza, la sorgente creatrice del nostra vita da tutte le false credenze che la tengono intrappolata in un luogo lontano della nostra mente. 

Riportare al centro della nostra coscienza la nostra anima ha un potere terapeutico incredibile:

  • ci fa sentire liberi, sani, integri, completi, leggeri, rilassati, pieni di energia
  • ci dà la sensazione di essere e di vivere in linea con i nostri valori personali più profondi
  • ci fa provare emozioni incredibilmente positive
  • ci dona un grande senso di vitalità, tanto entusiasmo e tanto amore per la vita 
  • ci fa sentire più in pace con noi stessi e con il mondo che ci circonda 
  • ci regala un maggior senso di appartenenza all’universo e un più profondo senso di affinità, compassione e amore per gli altri. 

Che tipo di terapia è la TERAPIA RELEASE?

E’ una terapia di sostengo, prevenzione e abilitazione-riabilitazione del funzionamento psichico, psicofisico e relazionale delle persone. 

Essa mira al mantenimento, alla promozione e al recupero dello stato di di salute delle persone. 

 

error: Il contenuto di questo sito è protetto ! Non può essere copiato né riutilizzato ! / Content is protected !! Do not copy or re-use !