Lo psicologo può usare l’ipnosi?

 

In Italia, l’art.728 Codice Penale cita: “Chiunque pone taluno, col suo consenso, in stato di narcosi o d’ipnosi, o esegue su lui un trattamento che ne sopprima la coscienza o la volontà, è punito, se dal fatto deriva pericolo per l’incolumità della persona, con l’arresto da uno a sei mesi o con l’ammenda da trenta euro a cinquecentosedici euro.
Tale disposizione non si applica se il fatto è commesso, a scopo scientifico o di cura, da chi esercita una professione sanitaria”.


Per farne uso in ambito sanitario-psicologico, è necessario quindi essere Psicologo, L.56/89 e art.21 Cod. deontologico «[…]Sono specifici della professione di psicologo tutti gli strumenti e le tecniche conoscitive e di intervento relative a processi psichici (relazionali, emotivi, cognitivi, comportamentali)…» 
Lo psicologo -professionista sanitario- farà uso dell’ipnosi a fini preventivi, supportivi e abilitativo-riabilitativi, nonché di promozione del benessere.
Per utilizzare l’ipnosi in ambito psicoterapeutico è necessario essere psicologo o medico e possedere necessariamente la qualifica di psicoterapeuta (psicologo-psicoterapeuta o medico-psicoterapeuta) L.56/89 art.3 .

L’ipnosi, usata per fini diversi da quelli terapeutici, può essere usata da chiunque.
Sia per psicologi, sia per psicologi-psicoterapeuti l’uso dell’ipnosi, in tutte le sue forme, così come di ogni altra tecnica e strumento psicologici, deve avvenire nel pieno rispetto dell’art.5 Cod. deontologico: «Lo psicologo […] riconosce i limiti della propria competenza e usa, pertanto solo strumenti teorico-pratici per i quali ha acquisito adeguata competenza e, ove necessario, formale autorizzazione. Lo psicologo impiega metodologie delle quali è in grado di indicare le fonti e riferimenti scientifici …»


«Ipnologo» e «ipnoterapeuta» non sono titoli riconosciuti dallo Stato italiano, neanche se affiancati a quello di psicologo o medico.
L’unico titolo, peraltro accademico, riconosciuto è, per fare un esempio, «specialista in ipnosi e psicoterapia eriksoniana».

American Psychological Association Div. 30: Society of Psycological Hypnosis: «L’ipnosi è una procedura durante la quale un operatore sanitario o un ricercatore suggerisce durante il trattamento di qualcuno, che sperimenta cambiamenti nelle sensazioni, percezioni, pensieri o comportamenti. Anche se l’ipnosi viene utilizzata per rendere le persone più vigili, la maggior parte dell’ipnosi include suggerimenti per il rilassamento, la calma e il benessere. Le istruzioni per immaginare o pensare a esperienze piacevoli sono anche comunemente incluse durante l’ipnosi. Le persone rispondono all’ipnosi in modi diversi. Alcuni descrivono l’ipnosi come uno stato di attenzione focalizzata, in cui si sentono molto calmi e rilassati. La maggior parte delle persone descrive l’esperienza come piacevole.»

Un aspetto da considerare: l’ipnosi si presenta come uno stato modificato di coscienza; è una condizione psicofisiologica naturale e spontanea, che si presenta per es. nella fase di passaggio dal sonno alla veglia e dalla veglia al sonno (rispettivamente, ipnopompica e ipnagogica) e nei momenti di normale trance quotidiana.

 

Comments are Closed

error: Il contenuto di questo sito è protetto ! Non può essere copiato né riutilizzato ! / Content is protected !! Do not copy or re-use !