Differenza tra sostegno psicologico e attività di abilitazione-riabilitazione


Sostegno psicologico: terapia in cui lo psicologo agisce da Io ausiliario per il paziente, “fornendogli” temporaneamente quelle funzioni psichiche / abilità che gli sono necessarie per recuperare e utilizzare informazioni (cognitive, emozionali o di altro tipo) utili al suo sviluppo e al suo benessere.

Nel sostegno lo psicologo usa il proprio Io (sapere, saper essere, sapere fare) per colmare i deficit / le carenze del cliente/paziente (da non intendere necessariamente in senso psicopatologico).

Il solo sostegno senza le attività di abilitazione-riabilitazione non implica l’acquisizione di nuove competenze (sviluppo di funzioni/abilità).


Attività di abilitazione-riabilitazione: attività terapeutiche in cui lo psicologo agisce sempre da Io ausiliario con l’obiettivo, questa volta, non tanto di sopperire temporaneamente ad una carenza ma di far sviluppare nel cliente/paziente quelle abilità di cui ha bisogno per muoversi nella vita in modo autonomo, libero e maturo.

Ovviamente questa è una distinzione puramente teorica se consideriamo che molto spesso questi processi vengono integrati in un unico percorso di terapia psicologica.


Sostegno e attività di abilitazione-riabilitazione sono due facce della stessa medaglia e nel loro complesso sono ciò di cui ha bisogno un paziente/cliente per crescere e stare bene e meglio.


Enrico Rizzo – Psicologo Palermo

Cell. 393528349

Comments are Closed

error: Il contenuto di questo sito è protetto ! Non può essere copiato né riutilizzato ! / Content is protected !! Do not copy or re-use !